Friuli Venezia Giulia
    11 Agosto 2022 Aggiornato alle 23:40
    Economia & Lavoro

    Rete idrica e fognaria, investimenti per 20 milioni

    Il Comune con Hydrogea ha presentato gli interventi del prossimo lustro. Il principale è la Dorsale di gronda: tre lotti, il via in primavera
    di Natascia Gargano

    Oltre 20 milioni di investimenti da qui al 2027 per estendere la rete fognaria e migliorare il sistema di depurazione delle acque. Il comune di Pordenone, sindaco Ciriani e assessore Amirante e Cairoli, con il gestore Hydrogea hanno presentato gli interventi. Il principale denominato "Dorsale di gronda", tre lotti a partire dalla primavera del 2023 per 5 milioni di euro, prevede l'estensione della rete fognaria, la sostituzione delle vecchie condotte e la realizzazione di una dorsale che recuperi le acque reflue dell'agglomerato di Torre al fine di sgravare il depuratore della Burida. Obiettivo nel lungo termine: la separazione delle reti fognarie, che permetterebbe di superare le attuali criticità.

    Fabio Santin, presidente Hydrogea, spiega "Siamo alla presenza di una rete di carattere misto, acque meteoriche e refluo, obiettivo è separarle rendendo autonomi i collettori e evitare l'infiltrazione delle cosiddette acque parassite".

    Tra gli altri interventi previsti il prossimo anno ci sono lo spostamento della condotta nell'ambito della realizzazione della rotaroria sulla Pontebbana tra via Interna e via san Daniele, e l'adeguamento degli impianti di depurazione di via Burida e via Savio. Già in autunno sono in partenza nuovi lavori in via Stradelle e Borgo Casoni, divisi in lotti per limitare i disagi. In vista anche dei fondi del Pnrr, sono in progetto opere per la riduzione delle perdite idriche. In merito alla crisi attuale, si lavora a nuove prese d'emergenza e nuovi pozzi, oltre al miglioramento dei piani di emergenza. Inevitabile un prossimo adeguamento delle tariffe.
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Economia & Lavoro