La decisione del Gup

Bracciano, ex vertici Acea Ato 2 a processo

L'accusa: "Disastro ambientale ai danni del lago"

Bracciano, ex vertici Acea Ato 2 a processo
Ansa
Lago di Bracciano

Per disastro ambientale aggravato ai danni del lago di Bracciano è stato disposto dal giudice Giuseppe Coniglio del Tribunale di Civitavecchia il rinvio a giudizio dei vertici di Acea Ato 2  in carica nel 2017. 

Con sentenza di non luogo a procedere prosciolti invece gli altri imputati del procedimento penale.

 All’epoca si verificò un netto e repentino calo del livello dell’acqua. Il caso finì in aula, con l’associazione Codici Ambiente presente in qualità di parte civile. “Disastro ambientale aggravato” in quanto la captazione dell’acqua sarebbe avvenuta senza titolo concessionario e con questa azione l’ecosistema dell’area naturale protetta è stato irreversibilmente alterato.

"La decisione del giudice – sottolinea il Comitato per la Difesa del Bacino Lacuale Bracciano Martignano, indicato nel procedimento come parte lesa – dà soddisfazione alle nostre istanze e costituisce un passo importante in vista dell’accertamento delle responsabilità di quanto accadde nel 2017 con i prelievi spregiudicati da parte di Acea Ato 2 in spregio alla tutela di una risorsa ambientale come il lago di Bracciano”.

“Continueremo - sottolinea il Comitato - a far valere le nostre istanze in ogni ambito a tutela di un lago che costituisce il tesoro identitario di un territorio non a caso al centro di un Parco Regionale e tutelato a livello europeo”.

Il dibattimento si aprirà il prossimo 4 maggio ed in aula, ci sarà anche Codici Ambiente, tra le parti civili ammesse al processo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“La decisione del giudice – sottolinea il Comitato per la Difesa del Bacino Lacuale Bracciano Martignano, indicato nel procedimento come parte lesa – dà soddisfazione alle nostre istanze e costituisce un passo importante in vista dell’accertamento delle responsabilità di quanto accadde nel 2017 con i prelievi spregiudicati da parte di Acea Ato 2 in spregio alla tutela di una risorsa ambientale come il lago di Bracciano”.

 Continueremo - sottolinea il Comitato - a far valere le nostre istanze in ogni ambito a tutela di un lago che costituisce il tesoro identitario di un territorio non a caso al centro di un Parco Regionale e tutelato a livello europeo.