Le Forze Armate in prima linea contro la violenza di genere

A Roma un incontro promosso dal Ministero della Difesa alla vigilia della giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. Il sottosegretario Isabella Rauti: "Il contrasto è una battaglia di civiltà infinita"

Le Forze Armate in prima linea contro la violenza di genere
Lcc
L’impegno della Difesa contro la violenza sulle donne è stato al centro di un convegno, a Roma, alla vigilia della Giornata internazionale che si celebrerà domani 25 novembre

Si è svolta oggi, alla vigilia del 25 novembre, il convegno “La Difesa contro la violenza sulle donne”promossa dal Sottosegretario Isabella Rauti, con delega alle pari opportunità, in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, alla quale hanno partecipato artisti, rappresentanti istituzionali e persone impegnate quotidianamente nel combattere la violenza sulle donne.

L’evento ha visto alternarsi testimonianze, poesie e brani, video delle Forze Armate sul tema e le suggestive esibizioni di giovani ballerine vestite di rosso. Hanno partecipato, oltre alla Sen. Isabella Rauti, l’On. Lucia Albano, Sottosegretario al Ministero dell’Economia, e l’Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, Capo di Stato Maggiore della Difesa, più esponenti di numerose organizzazioni impegnate sul tema.

Il Ministero della Difesa è in prima linea sulla prevenzione e sul contrasto della violenza contro le donne e l’evento di oggi rappresenta un’occasione per riflettere su un fenomeno antico, in questi giorni molto attenzionato ma troppo spesso sottovalutato. Ciò che emerge è la punta dell’iceberg di un sommerso che attraversa il mondo, le geografie, le religioni, le società, i secoli, la Storia. Il suo contrasto è una battaglia di civiltà infinita, da continuare senza sosta, e a tutti i livelli, normativo, culturale, sociale ed educativo. Il disegno di legge 923 approvato all’unanimità due giorni fa in Senato è un concreto passo in avanti nella battaglia alle violenze di genere, con un rafforzamento delle misure di protezione delle vittime e dei sistemi di prevenzione, nonché il potenziamento delle misure cautelari”, così nel suo intervento la Senatrice Rauti, Sottosegretario di Stato alla Difesa, con delega alla promozione delle politiche di parità di genere e di pari opportunità.

Una panchina e un paio di scarpe rosse sono stati posizionati all’ingresso del Circolo Ufficiali delle Forze Armate d’Italia, sede dell’evento, presentato da due volti noti della televisione, Fenesia Calluso giornalista del TG 1 e Fabio Chiucconi, giornalista del TG2. In apertura e chiusura, le suggestive coreografie curate da Valeria Loprieno ed eseguite dalle allieve Beatrice Mancino, Francesca Marchese, Matilde Mariola, Marta Stabile, Flaminia Vivan, della scuola di danza EUR. L’attrice teatrale Laura Lattuada ha recitato il “Canto delle Donne” di Alda Merini, il monologo “Alice nel paese delle brutte meraviglie” di Anna Steri, “Trova la libertà” della scrittrice afghana Wadia Samadi e “Il mio primo trafugamento di madre” di Alda Merini. Tra le voci narranti anche due rappresentanti della Difesa: Francesco Rammairone, Vice Capo di Gabinetto, che ha interpretato ‘Una donna intelligente’ di Gabriel García Márquez, e il colonnello Vincenzo Salerno che ha recitato ‘La ballata delle donne’, di Edoardo Sanguineti.

Il Ministero della Difesa è da sempre in prima linea sulla prevenzione e sul contrasto della violenza contro le donne, e nel sostegno all’empowerment femminile. Nelle missioni internazionali le Forze Armate e l’Arma dei Carabinieri sono impegnati per l’empowerment e la promozione dei diritti delle donne, e per la protezione dalle violenze sessuali e dagli stupri di guerra. Un impegno che deriva dal sistema di risoluzioni ONU su “Donne, pace e sicurezza”, che prevede l’adozione di una politica di tolleranza zero in materia di violenza di genere, premessa indispensabile per la costruzione della pace e della stabilità negli scenari post-conflitto.

 La Difesa conferma la propria attenzione alla promozione e alla protezione dei diritti umani e dei diritti delle donne, ed è attiva nell’applicazione della Convenzione sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione contro le donne e nell’attuazione della Risoluzione 1325 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

In questa direzione vanno l’istituzione nel 2012 di una Sezione Politiche di Genere presso lo Stato Maggiore della Difesa, l’emanazione di linee guida sulla tutela della genitorialità, l’adozione del codice di condotta per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni, la creazione della figura del Gender Advisor per i Comandanti, la realizzazione dei corsi per formare tali figure, la costituzione di un ‘Consiglio Interforze sulla prospettiva di genere’, organismo consultivo del Capo di Stato Maggiore della Difesa nell’azione di indirizzo, coordinamento e valutazione dell’applicazione della prospettiva di genere e dell’integrazione dei generi.

Io canto le donne prevaricate dai bruti
la loro sana bellezza, la loro “non follia”
il canto di Giulia io canto riversa su un letto
la cantilena dei salmi, delle anime “mangiate”
il canto di Giulia aperto portava anime pesanti
la folgore di un codice umano disapprovato da Dio.

 Da ‘Il Canto delle donne’, di Alda Merini

Il video dell'evento