50 anni fa la strage di Fiumicino. Una targa in ricordo delle 32 vittime

Un commando di cinque terroristi palestinesi arrivò sulla pista dell'aeroporto con armi ed esplosivi fra i passeggeri in attesa di imbarcarsi

50 anni fa la strage di Fiumicino. Una targa in ricordo delle 32 vittime
Ansa
Nell'attentato terroristico compiuto da un commando palestinese furono uccise 32 persone tra cui sei italiani. Oggi a Fiumicino la commemorazione delle vittime

Cinquanta anni fa, il 17 dicembre 1973, nella strage di Fiumicino ad opera di un commando di terroristi, perdevano la vita trentadue persone. Tra le vittime sei italiani, la famiglia De Angelis, con Giuliano, Emma e la figlia Monica, Raffaele Narciso, Domenico Ippoliti e il finanziere Antonio Zara, ucciso nel tentativo di fermare i terroristi e, per questo motivo, insignito della medaglia d’oro al valor militare. Aeroporti di Roma, interpretando il sentimento dell'intero management e del proprio personale, esprime "sentita vicinanza ai familiari delle vittime nel cinquantesimo anniversario di una tragedia che ha colpito i loro cari e l'intera comunità nazionale e internazionale". In ricordo delle trentadue vittime, questa mattina, una delegazione della società di gestione aeroportuale, guidata dal Presidente di Adr, Vincenzo Nunziata, ha partecipato alla cerimonia organizzata in prossimità della pista dell'aeroporto, vicino al luogo dell'attentato, dove è stata apposta una targa con i nomi dei caduti, alla presenza dei loro parenti, delle Istituzioni locali, di Mario Baccini, sindaco di Fiumicino, di monsignor Santo Marcianò, vescovo ordinario militare per l'Italia, di Patrizia Terlizzi, direttrice Enac dell'aeroporto di Fiumicino, e dei rappresentanti delle forze dell'ordine. Al termine della celebrazione i familiari delle sei vittime italiane si sono riuniti in un momento di raccoglimento. 

Il servizio di Paolo Martini con le interviste ad Anna Narciso, figlia di Raffaele (una delle 32 vittime dell'attentato), Antonio Campanile, ex agente e Anna Ippoliti, nipote di Domenico (vittima dell'attentato)