Arrestato un uomo

La ospita e dopo un rifiuto la aggredisce, tentato femminicidio a Carpineto

La vittima, una giovane di origini nigeriane, ha subito un tentativo di violenza poi il connazionale ha tentato di buttarla dal balcone

La ospita e dopo un rifiuto la aggredisce, tentato femminicidio a Carpineto
Tgr Lazio
Un panorama di Carpineto romano

Una notte a casa di un connazionale si è trasformata in un incubo per una ragazza nigeriana senza fissa dimora.  L’uomo 33enne già noto alle forze dell’ordine le ha offerto ospitalità nella sua casa di Carpineto Romano con la promessa di darle 100 euro. La ragazza si è fidata,  non era la prima volta che dormiva da lui. L'uomo era sempre stato gentile anche nei suoi approcci sempre respinti. Addirittura, dice, le aveva proposto di fidanzarsi. Ma una volta in casa ha capito di essere in trappola. L'amico le dice che le corrisponderà la somma di cento euro, soltanto se si concederà. Davanti al netto rifiuto della ragazza, l'uomo però si trasforma: da dolce amico diventa un aggressore. 

La aggredisce cerca di violentarla ma lei scappa sul balcone gridando e chiedendo aiuto.

La comunità nigeriana di Carpineto vive tutta li intorno, sono persone integrate assicura il sindaco Stefano Cacciotti. Subito alcune donne che vivono accanto si allertano si affacciano e assistono alla scena: l’uomo cerca di buttare la ragazza dal balcone e allora gli urlano di fermarsi. Un altro connazionale intanto sfonda la porta dopo aver chiamato i carabinieri che arrivano in pochi minuti e li trovano ancora sul balcone, la ragazza in lacrime, lui visibilmente agitato, lo arrestano in flagranza e salvano una vita già disperata. L’uomo è stato portato in carcere a Velletri, è ancora li dopo la convalida degli arresti dovrà rispondere di tentato omicidio.