A Genova un incontro per chiedere verità e giustizia per Giulio Regeni

I genitori del ricercatore hanno ricostruito la vicenda giudiziaria al Teatro Duse. Presente anche il presidente della Camera Fico

A Genova un incontro per chiedere verità e giustizia per Giulio Regeni
TgrLiguria
Non si rassegnano i genitori di Giulio Regeni, Claudio e Paola, al tentativo di oblio sulla morte del ragazzo, avvenuta a inizio 2016 in Egitto. Con loro non si rassegna la città di Genova, che li ha ospitati e ascoltati in una serata al teatro Duse, organizzata nell'anniversario della dichiarazione universale dei diritti umani. Non si ferma nemmeno lo Stato -ha assicurato il presidente della Camera Roberto Fico, presente all'incontro. I genitori hanno ribadito le critiche addolorate al comportamento dell'Egitto; Paola Regeni ha commentato subito una notizia buona, ma non decisiva: "siamo immensamente felici che Patrick Zaki sia stato liberato, purtroppo non assolto"

Il processo sulla morte di Regeni si è incredibilmente impantanato sul fatto che l'Egitto non abbia indicato gli indirizzi di quattro suoi generali dei servizi segreti, ai quali notificare l'imputazione per sequestro di persona; così, il processo si è fermato; ripartirà dall'udienza preliminare il prossimo 10 gennaio. Nel caso di Regeni, quindi, si è giunti alla verità, ma non ancora alla giustizia, per la quale c'è ancora molto cammino da fare. Intanto, rimane sospesa ogni relazione diplomatica della Camera dei deputati con il Parlamento egiziano, sino a quando non si arriverà a un processo risolutivo.
La locandina dell'incontro TgrLiguria
La locandina dell'incontro