Liguria
    17 Maggio 2022 Aggiornato alle 00:15
    Cronaca

    Genova Pegli, fermato giovane rapinatore

    Ai coetanei intimava di farsi consegnare soldi e smartphone. Quando non ci riusciva, li perseguitava
    di Oscar Puntel
    Credits © Rai Disagio giovanile
    Disagio giovanile
    Bullo e stalker, oltre che rapinatore seriale. Così gli investigatori hanno fermato e portato in carcere un ragazzo di 14 anni: era diventato il terrore dei coetanei che aggrediva per farsi consegnare smartphone e contanti. E quando non li otteneva, iniziava a perseguitarli. 
    I carabinieri della stazione di Genova Pegli lo hanno individuato a Milano, adesso nel carcere minorile di Torino.
    Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Francesca Sussarellu del Tribunale per i minorenni di Genova, sono partite da una aggressione a un ragazzino di 15 anni a novembre allo skate park di Pegli. Il giovane era stato avvicinato dal coetaneo che, dopo averlo minacciato con un coltello, gli aveva ordinato di consegnargli soldi e cellulare.
    Al rifiuto lo aveva aggredito con calci e pugni, facendolo finire in ospedale. Alla scena avevano assistito alcuni passanti che avevano chiamato il 112. All'arrivo delle 'Gazzelle', l'aggressore era riuscito a scappare. 
    I carabinieri avevano acquisito le immagini di videosorveglianza ed erano riusciti a individuarlo. Dalle indagini era anche emerso che da luglio aveva iniziato a perseguitare e vessare un altro coetaneo che si era rifiutato di consegnargli il cellulare e i soldi. Nel frattempo il giovane rapinatore era stato trasferito in comunità per una rapina a Milano dalla quale era però scappato nei giorni scorsi per rifugiarsi a casa. I Carabinieri lo hanno trovato lì e trasferito a Torino. 
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					

    Altri articoli da Cronaca