Liguria
    05 Dicembre 2021 Aggiornato alle 22:34
    Salute

    Terze dosi. Galliera già pronto, Regione stoppa fino a giovedì

    Interessate circa 35 mila persone. Si tratta di soggetti per i quali la somministrazione della terza dose è necessaria per raggiungere un adeguato livello di risposta immunitaria.
    di Fabrizio Assandri

    Terze dosi al via giovedì in Liguria, dopo una falsa partenza. Erano previste domani al Galliera le dosi per i primi sei pazienti oncologici, poi è arrivato uno stop dalla Regione. Un fraintendimento sulle date, dicono dall'ospedale: al via dunque giovedì non solo al Galliera, ma in tutta la regione.

    La terza dose, in questa fase, riguarda trapiantati, immunodepressi e pazienti affetti da varie patologie. Una platea stimata dalla Regione in 35 mila persone, tre milioni in tutta Italia.

    La somministrazione avviene con Pfizer e Moderna ad almeno 28 giorni dalla seconda dose. Ma non tutte le questioni sono chiarite. Il Galliera ha fatto uno studio, che verrà pubblicato sulla rivista scientifica European Journal of Cancer, su 400 pazienti oncologici: il 20 per cento non sviluppa anticorpi dopo due dosi di vaccino. "Per ora faremo la terza dose solo a questi ultimi - dice il direttore di oncologia Andrea De Censi - per gli altri aspettiamo a breve indicazioni più precise delle autorità".

    Secondo De Censi tutti i pazienti oncologici in terapia possono essere considerati immunodepressi. Se però sviluppano gli anticorpi potrebbero rischiare, con una nuova dose, effetti collaterali. E oltre al criterio degli anticorpi, c'è quello dell'attivazione dei linfociti, oggetto di un altro studio condiviso tra Galliera e San Martino.

    Infine, non è detto che chi non ha sviluppato anticorpi con due dosi, li sviluppi con tre. Questioni che restano sul tappeto, oggetto di dibattito scientifico.

    Per altre categorie, come quella dei medici, gli anziani delle rsa e gli over 80, il richiamo per prolungare gli effetti dell'immunizzazione potrebbe arrivare nei prossimi mesi.
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Salute