Liguria
    22 Gennaio 2022 Aggiornato alle 08:15
    Politica & Istituzioni

    Genova 2022: Pd, M5S e sinistra si riallineano, ancora "freddi" i centristi

    Dopo le turbolenze in Regione, riparte il cantiere di un'alleanza ampia per sfidare Bucci. Ancora da decifrare la posizione dei riformisti, da Azione a Italia Viva. D'Angelo: "Porte aperte a tutti, ma si devono condividere temi comuni"
    di Marco Gervino

    "Porte aperte a tutti, ma ci deve essere un programma condiviso" Il segretario provinciale del Pd Simone D'Angelo ribadisce le condizioni per aderire al progetto di un candidato unico del centrosinistra per le prossime comunali a Genova. Il messaggio sembra rivolto soprattutto alle forze centriste e riformiste che preferiscono tenersi le mani libere almeno fino all'elezione del Presidente della Repubblica.

    E proprio la scelta di Rossetti come grande elettore in regione aveva fatto emergere malumori anche con il Movimento 5Stelle e le altre forze della sinistra, che però non sembrano aver minato l'alleanza. Per il Pd i punti qualificanti dell'alleanza sono chiari: lotta alle disuguaglianze, nuovo sviluppo e centralità ai giovani.

    I 5 Stelle, con il capogruppo a Palazzo Tursi Luca Pirondini, confermano che la strada è quella giusta, ma anche loro pongono temi imprescindibili per il progetto condiviso. E se per il nome del candidato è ancora presto, ma sul profilo i pentastellati hanno le idee chiare.

    Gianni Pastorino, capogruppo in Regione di Linea condivisa,  - concordando su priorità come lavoro, ambiente e giovani - conferma invece i nomi usciti in queste ultime settimane.

    E qualcosa si muove anche fuori da questo campo: l'ex grillino Mattia Crucioli de "L'alternativa c'è",per la sua possibile candidatura a sindaco incassa l'appoggio di "Riconquistare l'Italia"

    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Politica & Istituzioni