Liguria
    19 Agosto 2022 Aggiornato alle 11:30
    Cronaca

    Concorsi truccati, 12 docenti indagati. Perquisizioni a Giurisprudenza

    Questa mattina il blitz della Guardia di Finanza. Sequestrati computer e documenti.
    di Pietro Adami

    Concorsi cuciti su misura per i propri candidati, con bandi preconfezionati, tra favori reciproci e commissioni compiacenti. Accuse che scuotono l'Università di Genova, sette docenti tutti appartenenti al Dipartimento di Giurisprudenza, sono stati perquisiti questa mattina dai finanzieri, che hanno sequestrato documenti, computer e pennette informatiche.
    Gli indagati sarebbero almeno dodici, rispondono a vario titolo di turbativa d'asta, traffico d'influenze illecite e rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio. Sotto la lente degli inquirenti guidati dal pm Fancesco Cardona Albini le procedure selettive per assegni di ricerca in Diritto Tributario, Costituzionale e Istituzioni di Diritto Pubblico, ma anche un posto di ricercatore e una cattedra da professore associato di Diritto Costituzionale.
    I nomi coinvolti sono di primo piano. Secondo la procura si sarebbero accordati di volta in volta. Perquisizioni sono scattate per la prorettrice Lara Trucco, per il direttore del dipartimento di giurisprudenza Riccardo Ferrante, per i docenti Pasquale Costanzo, Patrizia Magarò, Patrizia Vipiana, Vincenzo Sciarabba, e Daniele Granara. 
    Un terremoto per l'Ateneo, il rettore Federico Delfino sottolinea la piena fiducia nella magistratura. 
    I docenti saranno interrogati nei prossimi giorni. Le indagini dovranno stabilire se si è trattato di commistioni sospette, ma legittime o se i rapporti di amicizia hanno condizionato illegalmente gli esiti dei concorsi. 
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Cronaca