Liguria
    04 Luglio 2022 Aggiornato alle 22:44
    Sport

    17 maggio: quando il Giro passa in Liguria

    Dal 1911, quando Borgarello vince per distacco un'epica Firenze-Genova, alla Seravezza-Sestri Levante del 2012 attraverso lo Spezzino ferito dall'alluvione
    di Valentina Gregori

    Il 17 maggio 2012 il Giro d'Italia - con la dodicesima tappa - entra in Liguria dalla Toscana. Si corre la Seravezza-Sestri Levante, 155 chilometri che attraversano anche i territori colpiti dalla tragica alluvione del 25 ottobre 2011. Vince il danese Lars Bak, che regola in volata i compagni di fuga, precedendo il francese Casar e il costaricano Amador. Mantiene la maglia rosa lo spagnolo Joaquim Rodríguez.
    Il giorno successivo la corsa, diretta in Piemonte, a Cervere, ripartirà da Savona.

    Nella sua lunga storia, il Giro d'Italia è passato altre cinque volte dalla Liguria nella data del 17 maggio. La prima ai tempi dei pionieri, nel 1911. Fu un'edizione dominata dal duello tra Carlo Galetti (che avrebbe poi vinto) e il francese Lucien Petit-Breton. La seconda tappa, da Firenze e Genova, era stata terribile, con pioggia, freddo e nebbia. Primo era arrivato, con 24 minuti sul secondo, il torinese Vincenzo Borgarello, che l'anno successivo sarebbe stato il primo italiano leader al Tour de France.
    Nel 1926, il 17 maggio si correva la Torino-Genova: vinceva Domenico Piemontesi, detto "il ciclone di Boca", davanti a Costante Girardengo e a Giovanni Brunero, uno dei migliori scalatori del ciclismo eroico, che quell'anno avrebbe vinto il suo terzo e ultimo Giro.
    Nel 1936, la seconda tappa - ancora il 17 maggio - fu di nuovo una Torino-Genova. Rovinata da un nubifragio, vide la vittoria del toscano Aldo Bini. Questi, da dilettante, era stato il grande rivale di Gino Bartali, che proprio in questo Giro vinse per la prima volta e spiccò il volo. 
    Nel 1955, il Giro attraversa la Liguria per ben cinque giorni, dal 16 maggio (Cannes-Sanremo) alla Genova-Viareggio del 20. Il 17, la Sanremo-Acqui Terme segna la prima vittoria nella corsa rosa dell'abruzzese Alessandro Fantini, che brucia Benedetti e Gismondi. La vittoria finale andrà a Fiorenzo Magni, che farà appena 13 secondi meglio di Fausto Coppi. 
    Nel 1980 va in scena invece la sfida tra Francesco Moser e Giuseppe Saronni. Quest'ultimo ha vinto la prima tappa, la Genova-Imperia, mentre Moser si è aggiudicato il prologo, a Genova, ed è maglia rosa. Il 17 maggio, nella Imperia-Torino, si impone di nuovo Saronni, che si ripeterà il giorno successivo. Ma tra i due contendenti si inserirà presto il francese Bernard Hinault: sarà proprio lui a trionfare alla fine, sul traguardo di Milano, il primo di tre successi su tre partecipazioni.

      
     
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Sport