Liguria
    04 Luglio 2022 Aggiornato alle 23:14
    Sport

    26 maggio: il Genoa conquista l'Europa

    Nel 1991, all'ultima di campionato, i rossoblù battono la Juventus al Ferraris grazie alle reti di Branco e Skuhravý e si qualificano per la Coppa Uefa
    di Valentina Gregori

    Il 26 maggio 1991 è la seconda domenica consecutiva di festa grande per il calcio a Genova. In piazza De Ferrari si radunano ventimila tifosi, questa volta rossoblù: dopo oltre cinquant'anni, il Genoa ritorna in Europa.
    All'ultima giornata di campionato - mentre la Sampdoria ha già lo scudetto ricamato sulla maglia - i rossoblù si giocano tutto, a Marassi, contro la Juventus, che li tallona a un punto come Torino e Parma. Chi perde è fuori. 
    Dopo un quarto d'ora, tra i bianconeri si infortuna Roberto Baggio. Pochi minuti dopo, con il suo sinistro micidiale, Branco passa su punizione. Nel secondo tempo, raddoppia Tomáš Skuhravý.
    Vince il Genoa, per 2-0: sale a 40 punti, lasciandosi dietro tutte le dirette concorrenti e piazzandosi al quarto posto, dietro Sampdoria, Milan e Inter.
    È il Genoa di Branco e di Skuhravý, ma anche di capitan Signorini, di Eranio, di Aguilera. Fortissimo in casa, non perde contro nessuna grande. Segna 51 gol, appena sei meno dei blucerchiati: sono 15 a testa per Aguilera e Skuhravý.
    È il secondo piccolo "miracolo sportivo" che riesce (dopo il Verona) a Osvaldo Bagnoli, approdato al Genoa proprio il 26 maggio, dell'anno precedente. 
    L'avventura in Coppa Uefa del Genoa inizierà il 19 settembre. Dopo aver eliminato Real Oviedo, Dinamo e Steaua Bucarest, il Grifone saprà espugnare l'Anfield Road e battere il Liverpool. Sarà fermato in semifinale dall'Ajax.

     
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Sport