Liguria
    08 Agosto 2022 Aggiornato alle 18:26
    Arte & Cultura

    Il "Terzo Paradiso" nel giardino dei frati

    Una delle opere più rappresentative dell'artista di fama mondiale Michelangelo Pistoletto ora custodita in uno dei luoghi più suggestivi della Liguria
    di Antonio Zagarese

    ​Il primo paradiso è quello dell'uomo integrato con la natura. Il secondo è quello creato dall'uomo con la sua intelligenza, artificiale, che ha generato benessere ma ha consumato la natura stessa. Il Terzo Paradiso è la terza fase dell’umanità, che si realizza nella connessione equilibrata tra l’artificio e la natura.











    Michelangelo Pistoletto, nato a Biella nel 1933, esponente dell'Arte Povera, è uno dei maggiori protagonisti dell'arte contemporanea. 




    La semplicità di tre cerchi consecutivi e la potenza di un simbolo. Pistoletto tracciò quel segno per la prima volta quasi 20 anni fa, da allora rappresenta il conflitto e nuovi equilibri. Ora l'opera vive e sarà permanente anche in quello che da sempre a Monterosso al Mare, alle Cinque Terre, viene chiamato il "paradiso dei frati"; il giardino sul mare del convento dei Cappuccini.

    Una donazione nata dall'amicizia tra Pistoletto e padre Renato Brenz Verca. Nel giardino l'opera si arricchisce dell'energia del luogo e dal messaggio di pace francescano.


    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					
    						

    Altri video da Arte & Cultura