Lombardia
02 Dicembre 2021 Aggiornato alle 19:55
Società

Iniziativa di due cooperative sociali

Halloween in festa

Giochi, libri ma anche pacchi alimentari nelle 4 corti di edifici Aler di via Palmieri a Milano sud, abitate soprattutto da immigrati. Un esempio di gestione sociale di spazi comuni in collaborazione con il quartiere.
di Alice Monni
Credits © Tgr In una casa di corte di Milano
In una casa di corte di Milano "Halloween in festa"
Dolcetto o scherzetto? Meglio un libro, magari una storia di paura. Halloween si festeggia così in questo condominio di via Palmieri 22, zona sud di Milano. Siamo dentro le quattro corti, complesso di case popolari degli anni Trenta di proprietà di Aler, ristrutturate nel 2008 e oggi abitate soprattutto da stranieri. Due di questi complessi sono gestiti da altrettante cooperative che puntano sulla gestione sociale degli spazi comuni, in collaborazione con gli enti del quartiere. In testa la Biblioteca Chiesa Rossa, che ha organizzato "Halloween in festa". La pioggia non ferma l'entusiasmo di tanti bambini mascherati. "Il trucco è uscire dalla biblioteca, andare sul territorio, nel quartiere. Abbiamo ottenuto dei grandi risultati, molte famiglie che non conoscevano la biblioteca ora frequentano anche i laboratori" dice Laura Ricchina, responsabile della Biblioteca Chiesa Rossa.

Tra i promotori dell'iniziativa QuBi Stadera, impegnata nella lotta alla poverà infantile, anche con la distribuzione di pacchi alimentari a centinaia di famiglie bisognose. "L'idea è quella di avvicinare bambini e famiglie ai luoghi di cultura come teatri e biblioteche, che siano così per tutti" dice Desirè Iasevoli, coordinatrice di QuBi Stadera. 

C'è anche Luca Santini, che gira in bicicletta il quartiere e la zona sud di Milano per portare i suoi libri dove altrimenti non potrebbero arrivare. "I bambini - racconta - si emozionano quando mi vedono arrivare. Sono dei grandi lettori, conoscono libri e case editrici, sono molto esperti. Incontrarli al mio banchetto è bellissimo. E' un po' meno entusiasta qualche genitore, dicono ai figli di non toccare, vieni via, ne hai già tanti a casa. Invece i libri non sono mai troppi" .

Gran finale di serata la donazione alle famiglie di un centinaio di volumi per bambini e ragazzi. Un progetto iniziato durante il lockdown e portato avanti grazie al contributo del Municipio 5 e delle librerie della zona.

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Società