Lombardia
25 Gennaio 2022 Aggiornato alle 19:54
Cronaca

Milano

Violenze di Capodanno, arresto convalidato

Per il 18enne italo-egiziano che vive a Milano arriva la convalida del Gip. Una delle ragazze vittime degli abusi: "Buttata a terra dal branco, mi sentivo soffocare, ho pensato di morire"
Credits © Ansa Due delle vittime
Due delle vittime
Resta in carcere il 18enne fermato mercoledì per le aggressioni in piazza Duomo la notte di Capodanno, in particolare quelle avvenute nei pressi della Galleria. Il Gip contesta al giovane di origine egiziana il "pericolo di reiterazione del reato". Per il giudice avrebbe dimostrato "una consapevole adesione al progetto criminoso" del branco. Contro le giovani vittime "una violenza brutale, solo grazie all'intervento di alcuni soccorritori" si sono evitate "conseguenze più gravi", si legge nell'ordinanza. Terribile il racconto a verbale di una delle quattro ragazze assalite vicino alla galleria: "un'orda, molte mani addosso, mi hanno buttata  a terra" - ha spiegato agli investigatori - "non riuscivo a rialzarmi e mi sentivo soffocare, ho pensato di morire". 
In mattinata, udienza di convalida anche per l'altro fermato, il 21enne di origine marocchina residente a Torino. 
Secondo il racconto di alcune delle ragazze abusate, sarebbe stato il primo ad approcciarle. 
Riconosciuto anche dal giubbotto rosso che indossava, nei giorni successivi ha cercato di contattare la vittima su Instagram: lei gli aveva dato l'indirizzo nella speranza di toglierselo di dosso. 
Sono 12 gli indagati, 9 le ragazze che hanno denunciato un copione simile, ma arrivano anche altre segnalazioni di giovani circondate e molestate.

Servizio di Elena Scarrone
 
watchfolder_TGR_LOMBARDIA_WEB_SCARRONE - AGGRESSIONI CAPODANNO - TGR 2ed.mxf

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Cronaca