Lombardia
18 Maggio 2022 Aggiornato alle 23:37
Società

Profughi ucraini, l'inclusione comincia dai corsi di italiano

Alla chiesa del Carmine di Milano già 50 partecipanti ai corsi per bambini e mamme. A tenerli donne ucraine residenti in Italia
di Sara Grattoggi
Credits © TGR Lezioni di italiano per i bambini in fuga dall'Ucraina
Lezioni di italiano per i bambini in fuga dall'Ucraina
Le prime parole: “buonasera”, “pizza” e “pomodoro”. Le imparano in pochi secondi mentre le loro mamme in un’altra aula studiano il verbo essere. Sono partiti oggi i corsi di italiano per i profughi ucraini organizzati dall’Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo, alla chiesa del Carmine di Milano. Erano attese 20-30 persone, ne sono arrivate 50.
  
«In questo momento sono qua due mamme, che sono arrivate dall’Ucraina in macchina, con i loro due figli – dice René Manenti, scalabriniano, parroco di Santa Maria del Carmine a Milano -. Hanno i mariti che sono rimasti in Ucraina, quindi vuol dire che stanno combattendo».
 
A tenere i corsi altre donne ucraine residenti in Italia. Un modo per favorire l’inclusione, come i momenti di gioco organizzati con i bimbi del quartiere.
watchfolder_TGR_LOMBARDIA_WEB_GRATTOGGI PROFUGHI A SCUOLA.mxf

					

Potrebbero interessarti anche...


					

Altri articoli da Società