Due nuove condanne per le violenze di Capodanno 2022

Tre anni e 10 mesi di reclusione per un 20enne e quattro anni e 10 mesi per un 19enne che aggredirono - in branco - giovani donne

Due nuove condanne per le violenze di Capodanno 2022
Tgr
Le violenze di capodanno in Piazza del Duomo

Erano imputati per le violenze sessuali di gruppo avvenute nella notte di Capodanno 2022 in piazza Duomo a Milano: per Mahmoud Ibrahim e Abdel Fatah è arrivata la condanna, rispettivamente a 4 anni e 10 mesi e 3 anni e 10 mesi. I due avevano scelto di essere giudicati con rito abbreviato. A Mahmoud Ibrahim, ora agli arresti domiciliari, veniva contestata anche una rapina, per cui è stato assolto. Fatah, ancora detenuto nel carcere di Trento, è stato condannato per i soli fatti di piazza Duomo.
I due imputati dovranno versare una provvisionale a due delle sei vittime, le sole che si sono costituite parte civile, 20 mila e 30 mila euro.

A maggio per gli stessi fatti era arrivata la prima condanna: Abdallah Bouguedra, 22 anni, era andato a processo con rito ordinario per l'episodio più grave, una violenza a una 19enne all'angolo con via Mazzini, ed era stato condannato a cinque anni e dieci mesi di reclusione.

"La ragazza vittima dell'aggressione più grave e che oggi non era presente in aula ci ha consegnato un messaggio: denunciare, non avere paura, perché la giustizia comunque funziona". Lo hanno spiegato Silvia Allai e Carlo Pellegri, i legali delle due giovani parti civili. "Loro hanno avuto la forza  di denunciare" a cui si aggiunge "un'empatia da parte della procura che per questa tipologia di reati non era scontata. L'altra nostra assistita ci dice 'ho avuto la sensazione di non essere sola'".