Una casa del sorriso ad Harare

E' quella che gli operatori dell'associazione umanitaria di Bergamo Cesvi ha costruito per accogliere i minori abbandonati che lottano per la sopravvivenza nelle strade della capitale dello Zimbabwe

Sono decine di migliaia i bambini e i ragazzi che vivono in strada nelle periferie della metropoli africana. Un milione e mezzo di abitanti, tra i minori solo la metà frequenta la scuola. La storia di Prince, ex ragazzo di strada accolto dal Cesvi, e le interviste a Enias Marama, operatore della Casa del Sorriso e Alessia Moretti, capo missione Cesvi in Zimbabwe.