Covid: quarta dose per tutti con i vaccini bivalenti

Sarà possibile prenotarsi da metà settimana. Sono 7 milioni i lombardi over 12 da vaccinare

Via libera alla quarta dose per tutti gli over 12, con i nuovi supervaccini. L'agenzia del farmaco ha approvato l'uso dei nuovi preparati bivalenti, efficaci contro le ultime varianti del virus. Da metà settimana sarà quindi possibile prenotare la vaccinazione non solo per over 60 e soggetti fragili. 
I nuovi vaccini sono due, per l'Aifa totalmente intercambiabili: quello pensato contro Omicron 1, già somministrato a fragili e over 60, e quello contro Omicron 4 e 5, in arrivo in questi giorni. 
In Lombardia secondo l'ultimo bollettino è positivo il 15,3% dei tamponi - cifra in lieve calo rispetto a ieri - con 8 vittime e ricoveri in lieve diminuzione. Si osserva però tendenzialmente una risalita dei contagi: dopo la forte frenata di fine estate, l'incidenza è stabile o in leggero rialzo. Da qualche giorno i positivi sono tornati a essere oltre 200 ogni 100mila abitanti.









La Lombardia e la provincia di Milano in particolare detengono il triste primato del maggior numero di infezioni da Covid-19 di origine professionale segnalate all’Inail (Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro) dall’inizio della pandemia al 31 agosto scorso. Secondo il 29esimo report nazionale sui contagi lavoro-correlati da nuovo coronavirus elaborato dalla Consulenza statistico attuariale (Csa) dell’Inail, il 40.2% dei contagi sul lavoro da coronavirus è infatti concentrato nel nord-ovest del Paese (la prima regione è proprio la Lombardia, da dove proviene il 23.4% delle segnalazioni)
E la provincia con più contagi da inizio pandemia è quella di Milano (9.6%)
Dall’inizio della pandemia, sono state 69.483 in Lombardia le infezioni da Covid-19 di origine professionale, pari come detto al 23.4% delle 296.806 segnalazioni pervenute all’Italia a livello nazionale. Di queste, quelle con esito mortale nella nostra regione sono state 209 (il 23.6% delle 886 totali italiane). Rispetto al monitoraggio dello scorso 30 giugno, data a partire dalla quale il report dell’Inail è pubblicato con cadenza bimestrale, le denunce di infortunio sul lavoro da Covid-19 in Lombardia sono aumentate di 3.171 casi (+4.8%, cioè un valore inferiore all’incremento nazionale, che è stato pari al +6.6%), di cui 1.885 avvenuti a luglio e 456 ad agosto 2022, con i restanti casi riferiti ai mesi precedenti.