Una Tac davvero speciale

Al Mind si testano le opere d'arte con gli strumenti diagnostici più avanzati per stabilire originalità e stato di conservazione

A fare l'esame della Tac è una paziente fuori dal comune: una sirena alata, una scultura in legno del diciannovesimo secolo. Così accanto ai medici dell'Ospedale Galeazzi lavorano i restauratori della scuola di Botticino. E tra i pazienti c'è anche un tabernacolo della basilica di Sant'Ambrogio. Tutta l'operazione si è svolta negli spazi di Mind, nell'area che ospitava Expo e dove oggi hanno sede il Galeazzi e la scuola di restauro.

Interviste a Luca Maria Sconfienza - responsabile Radiologia Ospedale Galeazzi, Aura Rota - studentessa Scuola di restauro di Botticino e Arianna Beretta - direttrice Scuola di restauro di Botticino