Le piccole università marchigiane svettano in Italia

Il Censis promuove Camerino e Macerata, in testa alla graduatoria degli atenei con meno di 10 mila studenti. Politecnica e Urbino si piazzano invece a metà classifica tra le università di medie dimensioni

Le piccole università marchigiane svettano in Italia
TGR Marche
Una lezione dell'Università di Camerino

Tra le università statali che contano fino a 10 mila iscritti, continua a occupare la prima posizione Camerino, con un punteggio complessivo pari a 99,5. Al secondo posto l'Università di Macerata, con 87,2 punti. 

E' il risultato nella nuova edizione della classifica delle Università stilata dal Censis, in base a indicatori come strutture disponibili, servizi erogati, borse di studio, livello di internazionalizzazione, comunicazione e occupabilità. Uno strumento che è stato creato per fornire orientamenti alle scelte di tutti gli studenti pronti a intraprendere la carriera universitaria. 

Gli altri due atenei marchigiani sono considerati di medie dimensioni, compresi tra quelli che hanno da 10 mila a 20 mila iscritti. E in questa classifica, guidata da Siena, è sesta con 91,2 punti la Politecnica delle Marche, che perde una posizione rispetto all'indagine precedente. Stabile, infine, al nono posto l'Università Carlo Bo di Urbino con 84,8 punti.