Annullato il Presepe vivente di Genga

Per motivi di sicurezza della strada di accesso alla grotta del Valadier, rinviata al prossimo anno la 38ma edizione della rappresentazione, una delle natività più note e visitate della regione

Annullato il Presepe vivente di Genga
web
Presepe vivente di Genga

Annullata la trentottesima edizione del Presepe vivente di Genga (Ancona). A seguito dell'alluvione del 15 settembre scorso la strada di accesso a Frasassi non ha i requisiti di sicurezza richiesti.  La decisione annunciata dagli organizzatori: "Non si farà la nuova edizione - conferma Rosanna Filipponi, componente del comitato organizzatore -. Abbiamo preso questa decisione non certo a cuor leggero. Ma una serie di problemi (danni causati dall'alluvione, difficoltà della strada di Frasassi  e l'aggiornamento del Programma relativo alle norme sulla Sicurezza, ci hanno spinti a rinunciare per quest'anno. Speriamo di ripartire al meglio per il prossimo anno con un'organizzazione più solida e una più proficua collaborazione con gli Enti coinvolti". 

Il Presepe vivente di Genga è una delle rappresentazioni della Natività più note e apprezzate nelle Marche e non solo. Negli anni è stato visitato da oltre quattrocentomila persone. Il Presepe di Genga è considerato i più grande al mondo per estensione: ben 30mila metri quadri, un percorso che si snoda lungo il costone roccioso della Gola di Frasassi che conduce fino al Santuario del Valadier, con circa 300 figuranti impegnati. Negli ultimi anni il Presepe vivente è stato annullato altre volte per varie cause: terremoto, maltempo, Covid-19, ora per problemi legati alla sicurezza. Salvo imprevisti, l'appuntamento è rinviato al 2023