La scomparsa di Toni e De Palo: "Rendere pubblici anche gli ultimi documenti"

La verità sulla scomparsa del giornalista marchigiano Italo Toni e della collega Graziella De Palo.La presidente Meloni decide la desecretazione degli ultimi documenti. Materiale già in possesso della magistratura che ha ripreso le indagini nel 2019

La scomparsa di Toni e De Palo: "Rendere pubblici anche gli ultimi documenti"
TGR Marche
Italo Toni e Graziella De Palo, un mistero dal 1980

La presidente del consiglio Giorgia Meloni ha disposto di rendere pubblici gli ultimi atti ancora coperti da segreto relativi alla scomparsa del giornalista marchigiano Italo Toni e della collega Graziella De Palo, avvenuta a Beirut il 2 settembre 1980. Meloni ha risposto alla lettera di Renata Capotorti, madre di Graziella De Palo, che chiedeva "ogni possibile iniziativa per disvelare le ragioni dei gravi depistaggi e per individuare almeno il luogo in cui ancora si trovano a Beirut le spoglie della povera Graziella". I documenti - spiega la presidente del consiglio - "sono comunque già a disposizione dell'autorità giudiziaria, che nel 2019 ha ripreso le indagini sul caso. Non sono direttamente collegati alla scomparsa ma - prosegue Meloni - costituiscono la cornice in cui la vicenda si inserisce, con particolare riferimento ai rapporti intrattenuti all'epoca tra Italia e Olp"