Maltempo

Frane e smottamenti. Treia chiederàlo stato di calamità

L'annuncio del sindaco dopo le piogge. Ristabilita la viabilità su tutte le strade, invase anche da tronchi di alberi

Frane e smottamenti. Treia chiederàlo stato di calamità
Tgr Marche
La situazione a Treia

L'enorme quantità di pioggia, caduta negli ultimi giorni a Treia, nel Maceratese, ha provocato non solo allagamenti, ma anche frane e smottamenti. Il sindaco Franco Capponi ha annunciato che sarà chiesto lo stato di calamità: “Penso - ha aggiunto - che anche altri comuni e la provincia facciano lo stesso”.

Operai e mezzi comunali e provinciali hanno lavorato incessantemente per ristabilizzare la situazione e il transito di tutte le strade. Interessate dalle frane, fa sapere il Comune, anche le provinciali 128 e Romana, che sono state comunque riaperte al traffico. Riportata alla normalità anche una decina di tratti stradali comunali.

“Così come accaduto a settembre - spiega il sindaco - sono stati fenomeni mai verificatisi e, per la grande quantità di acqua caduta e sversata dai campi, i ponti non sono riusciti a far passare tutta questa massa, anche se liberi da alberi, tronchi e ramaglie intraversate, segnalando che la sezione dei ponti non è più adeguata a quanto questo fenomeno, legati ai cambiamenti climatici, si sta sempre più spesso manifestando”.