Il Misa fa ancora paura

La pioggia ha ingrossato il fiume. La piena ha raggiunto i 4 metri a Bettolelle, 3 metri a Senigallia. I sindaci da stanotte chiedono alla popolazione di mettersi al sicuro nei piani alti delle abitazioni.

Il Misa fa ancora paura
tgr
Il fiume Misa in piena

Arriva a sfiorare i tre metri il Misa al ponte di Garibaldi, nel cuore di Senigallia. Poco più a nord, nella frazione di Bettolelle, tocca i 4 metri. Non sono i livelli dell'alluvione, ma quella tragedia ha reso tutto il territorio più debole. Il sindaco di Senigallia Massimo Olivetti ha invitato ad evitare gli spostamenti e prestare la massima attenzione.Da ieri sera alla popolazione è stato consigliato di spostarsi ai piani alti. Le auto di protezione civile e le forze di polizia hanno girato tutta la notte per avvisare gli abitanti.  Il centro di accoglienza gestito con la Caritas, aperto tutta la notte, ha ospitato una decina di persone: soprattutto anziani impossibilitati a spostarsi da soli.

Chiuse le scuole, serrande abbassate anche per le attività commerciali, almeno fino al termine dell'emergenza, prevista per le 14.

Pesanti le conseguenze sulla viabilità: numerosi gli interventi per allagamenti e alberi caduti, dalle 9 è chiuso il casello dell'autostrada di Senigallia, chiuso anche un tratto di statale 16 poco a sud della città. Anche le mareggiate stanno vessando i comuni sulla costa invadendo la sede stradale. In particolare conseguenze pesanti si segnalano dalla zona a nord di Ancona fino alla zona di Porto Recanati. Numerosi i danni a stabilimenti e locali sulla spiaggia.