La cucina come spazio d’inclusione per i migranti. Mafugi è arrivato dal Gambia nelle Marche

A 13 anni lascia il suo villaggio in compagnia dello zio, che lo abbandona in Libia. Cucina e vende frittatine per pagarsi il viaggio verso l'Italia. Arriva su un barcone a Siracusa e un anno fa si trasferisce a Fermo nella fattoria Montepacini

La cucina come spazio d’inclusione per i migranti. Mafugi è arrivato dal Gambia nelle Marche
Tgr Marche
Dal Gambia nelle Marche con il sogno di diventare chef

Una frittatina come via d’uscita. Mafugi Hydara è partito dal Gambia a 13 anni con lo zio alla ricerca di una vita migliore. In Libia viene abbondonato; per sopravvivere da solo, e risparmiare i soldi per il viaggio in Italia prepara e vende frittate. Con due mesi di lavoro e mille dinari parte su un barcone verso la Sicilia. Un viaggio difficile per un adolescente. Un anno fa Mafugi è arrivato alla fattoria sociale di Montepacini. Per i migranti è un luogo di rinascita, grazie al  responsabile Marco Marchetti, che lavora per l'accoglienza e l'inclusione sulla base di diritti e opportunità per un futuro migliore. Qui Mafugi trova un’occasione per una nuova vita come cuoco della taverna della fattoria Montepacini con uno chef importante, Aurelio Damiani, che lo guida alla scoperta della cucina marchigiana e dei suoi obiettivi