Morta in casa. Indagini sulle cause. Oggi l'autopsia

A Barchi si indaga sulle cause della morte di una donna ritrovata nella sua casa nella frazione di Terre Roveresche. Potrebbe trattarsi di cause naturali, ma gli inquirenti non escludono alcuna ipotesi

Fissata per stamattina l'autopsia sulla salma di Giannina Fucili, la donna di 67 anni, il cui corpo in avanzato stato di decomposizione, è stato ritrovato venerdì nell'abitazione di piazza Terzi, nel centro della frazione Barchi di Terre Roveresche. L'esame autoptico, disposto dalla pm Maria Letizia Fucci, è stato affidato al medico legale Marco Palpacelli. Servirà per fare chiarezza sulle cause del decesso della donna. Gli inquirenti e la polizia scientifica non avrebbero trovato elementi che possano ricondurre ad una morte violenta, anche se il corpo era sul divano con tracce di sangue. In casa al piano di sopra c'era l'anziano compagno, Antonio Pazzaglia, 80 anni, ex meccanico. L'uomo, in stato confusionale, non è stato in grado di ricostruire quanto accaduto e ora è ricoverato in ospedale a Fano. Nessuna misura cautelare è stata presa nei suoi confronti