Grano trattato con un pesticida da tempo vietato in Europa

Sequestrate ventidue tonnellate di grano trattato con sostanze tossiche. Importato da una ditta marchigiana, il teff proveniva dall'Etiopia. Il carico intercettato al porto di Livorno, in Toscana

Un ingente quantitativo di grano etiope, trattato con una sostanza vietata in Europa e importato da una ditta delle Marche, è stato sequestrato a Livorno, in Toscana. Si tratta di ventidue tonnellate di teff, valore commerciale circa 220 mila euro. Il pregiato tipo di cereale senza glutine, utilizzato nelle diete per celiaci e in quelle a basso contenuto glicemico, proveniva dall'Etiopia. è risultato essere trattato con propiconazolo, pesticida vietato definitivamente dalla normativa europea dal 2019, con il regolamento di esecuzione Ue 2018/1865. L'operazione "pane sano", coordinata dalla procura della repubblica di Livorno, è stata condotta dall'agenzia delle dogane e dalla guardia di finanza. Le indagini sono partite da una segnalazione e da controlli della consistenza economica e fiscale dell'importatore. E' stata interessata la Asl per le analisi sul grano che hanno rilevato il trattamento con la sostanza vietata. I finanzieri hanno perquisito la ditta importatrice e l'abitazione del titolare, sequestrando documentazione utile a ricostruire la filiera: produzione, distribuzione, commercio