La giostra dell'anello tra resilienza, speranza e rinascita

A Servigliano fervono i preparativi in vista dell'inizio - il prossimo 12 agosto - del 54° Torneo Cavalleresco di "Castel Clementino". Un ritorno al passato, nel segno della tradizione, che unisce generazioni diverse

La resilienza, nel 2020; la speranza, nel 2021; l’auspicata rinascita nel 2022. A dispetto degli ultimi due anni segnati dall’emergenza sanitaria per il Covid-19, il Torneo Cavalleresco di “Castel Clementino” è stata l’unica rievocazione storica in Italia a continuare, nel segno della tradizione. Come ogni anno dal 1969. E’ così anche per la 54esima edizione. 
Nella settimana di Ferragosto il borgo di Servigliano - 2300 abitanti - rivive con dame, cavalieri, alfieri, musici, giostre e taverne medievali il 1450. Il Torneo Cavalleresco di “Castel Clementino” rievoca la donazione della Piana di San Gualtiero fatta dall’Abate di Farfa alla comunità locale 572 anni fa.

Nel servizio, le interviste a Luca Mercuri, presidente Gruppo Alfieri e Musici Storici di Servigliano; Natasha Stefanenko, attrice e conduttrice; Gianluca Viozzi, regista del Torneo Cavalleresco; Maurizio Marinozzi, presidente dell’Ente Torneo Cavalleresco.