Immersioni di salute nella Selva di Castelfidardo

Un'idea per una domenica alternativa al riparo dal caldo: respirare, toccare e annusare gli alberi, per sperimentare i benefici di un "bagno di bosco"

Non una semplice passeggiata, ma una immersione forestale: è l'esperienza proposta nella selva di Castelfidardo dalla Fondazione Ferretti, proprietaria di gran parte di quest'area boschiva. 
Sono tante le attività in programma, dalle visite guidate agli agro-aperitivi fino alle passeggiate notturne. 
Ma il "bagno di bosco" (dal giapponese Shinrin yoku, in inglese forest bathing) è una pratica precisa, per potere trarre il massimo beneficio dalle uscite nella natura.
Tanto che, prima, ci si può misurare la pressione, la saturazione e il respiro, per verificare eventuali miglioramenti al termine dell'attività.
Camminare è un modo per scoprire curiosità su questo bosco, che risale al quaternario ed è un concentrato di 750 specie autoctone delle mille presenti in Italia.
E poi respirare, toccare, annusare, per vivere il bosco e allontanarsi, per qualche ora, dalla vita di tutti i giorni.

Nel servizio, le interviste a Eugenio Paoloni, presidente della Fondazione Ferretti, e Cristina Crucianelli, facilitatrice di Shinrin yoku e guida della Fondazione Ferretti.