Fano, il ricordo delle vittime

Colli al Metauro: martedì o mercoledì i funerali delle vittime, padre e figlio, annegati a Gimarra di Fano. Nella basilica di San Paterniano, nel giorno di festa per il patrono, il ricordo per le vittime della tragedia .

È uno dei pochi a riuscire a parlare, il vescovo di Fano Armando Trasarti. Era atteso nella basilica di San Paterniano per un giorno di festa, quello del patrono, ma oggi invece è prima di tutto il giorno dopo la tragedia che ha scosso Colli al Metauro, Cartoceto e Orciano di Pesaro. "In ogni celebrazione dovremmo notare le sedie vuote. Oggi mancano due sedie piene nel nostro territorio", dice ai fedeli il vescovo. 
Stare vicini a una famiglia che il mare ha diviso in due nel giro di un'ora è l'obiettivo anche dei sindaci del territorio. A Colli al Metauro, Davide Zandri, la moglie e i tre figli vivevano dal 2005. Qui anche le scuole dei due bambini più piccoli, mentre il lavoro era a Fano, le origini della coppia tra Lucrezia di Cartoceto e Orciano di Pesaro. Piccole distanze, tanto lavoro. Sabato doveva essere il giorno libero. "Noi non abbiamo le risposte per tutto", ripete il vescovo. "Ma c'è un tempo per il silenzio".