Goletta verde, pagella nera per foci dei fiumi

Coste marchigiane sotto esame in questi giorni, con i campionamenti dei tecnici volontari di Goletta Verde. A risultare fuorilegge, soprattutto le acque di foci di fiumi e torrenti

Sono le foci di fiumi e torrenti i punti critici per la salute delle coste nelle Marche. Sui dodici sottoposti ad analisi microbiologiche sia alle foci sia in mare, dai tecnici volontari di Goletta verde, i cinque risultati fuorilegge a causa della presenza di escherichia coli sono quelli che coincidono con i corsi d'acqua. In primis la foce del fiume Musone, tra i comuni di Porto Recanati e Numana, che dai campionamenti, effettuati lungo la costa marchigiana tra il 18 e il 19 luglio 2022, risulta fortemente inquinata; così come la foce del torrente Valloscura al Lido di Fermo, quella del torrente Albula e del Tronto nel comune di San Benedetto del Tronto. Inquinata invece la foce del fiume Esino in località Rocca Priora, nel comune di Falconara Marittima.
   I dati sollevano quindi un problema da ricercare fino all'entroterra, per individuare scarichi abusivi o non a norma. Di qui l'appello di Legambiente perché venga effettuato uno screening della rete e degli impianti di depurazione. E a non sprecare i finanziamenti in arrivo dal Pnrr per il rinnovo di queste preziose infrastrutture. Secondo gli ambientalisti, se la depurazione riguarda tutti i comuni, tanto quelli costieri quanto quelli interni, sull'informazione ai bagnanti da parte dei comuni del litorale c'è ancora molto da fare