Dopo l'alluvione

"Andare oltre l'emergenza per fiumi e foreste"

Carlo Urbinati, docente all'Università Politecnica delle Marche: " Il territorio va gestito in modo unitario, non a compartimenti stagni"

A tre mesi dall'alluvione la gestione del territorio è ancora in emergenza. Servirebbe invece programmare, pensare a fiumi, aree verdi, foreste, almeno sul medio periodo.

Un esempio di gestione che andrebbe fatta in maniera sistemica sono proprio i fiumi, dalla sorgente alla foce. E l'alluvione del 15 settembre lo ha dimostrato senza appello.

C'è poi un altro aspetto che va considerato quando si governa un territoro: oltre un terzo delle marche è coperto da boschi e foreste, troppo spesso sfruttati nell'immediato invece di essere gestiti in prospettiva.
L'intervista a Carlo Urbinati, docente di Assestamento forestale e selvicoltura all'Università Politecnica delle Marche