Il primo spettacolo pubblico della compagnia "Lo spacco"

I detenuti di Pesaro attori sul palco

Detenuti della Compagnia "Lo spacco", della  Casa Circondariale di Pesaro, sul palco con gli studenti del Teatro Universitario Aenigma dell'Università di Urbino Carlo Bo. Insieme per la rappresentazione "Testimoni Oltre", terzo studio della performance "I sopravvissuti" ispirata ai racconti di Primo Levi.

L'opera presenta un gruppo di persone comuni esposto al rischio devastante della guerra che, solo attraverso i propri ricordi, cerca di trovare empatia e solidarietà. Ma la strada è impervia, a causa del dissolversi nel naufragio spirituale degli uomini e delle cose, proprio di quei ricordi.

A curare la drammaturgia collettiva è Romina Mascioli, per la regia di Francesco Gigliotti e la Direzione artistica di Vito Minoia.

Lo spettaccolo rientra tra gli eventi del primo festival Regionale di Teatro in Carcere, un progetto dell'Ufficio del Garante dei diritti della persona della Regione Marche e della Città di Pesaro con l'Ambito Territoriale Sociale 1, a cura dell'Associazione Culturale Cittadina Universitaria Aenigma.
Il ricco programma della manifestazione vede per oggi all'aula magna dell'Istituto Galilei di Pesaro lo spettacolo Variazioni, racconto dell'esperienza di laboratorio di costruzione e animazione di marionette nella sezione di alta sicurezza della Casa Circondariale di Ascoli.
Mentre nel pomeriggio nella Casa Circondariale di Villa Fastiggi a Pesaro, con un'iniziativa rivolta alla popolazione detenuta, sarà invece la volta dello spettacolo teatrale "Per sempre amici"