Molise
    28 Gennaio 2022 Aggiornato alle 22:57
    Salute

    Il Tar riapre il punto nascite di Termoli

    Accolto il ricorso per la sospensiva del provvedimento. A ricorrere il Comune di Termoli ed altre amministrazioni
    Credits © Tgr Rai Molise Il dispositivo del Tar
    Il dispositivo del Tar
    I giudici del tribunale amministrativo riaprono il punto nascite di Termoli. 
    A presentare richiesta di sospensiva del provvedimento emesso dall'Asrem, le amministrazioni comunali di Termoli, Campomarino, San Giacomo degli Schiavoni, Portocannone, Guglionesi, Palata, Montefalcone nel Sannio, Montecilfone, l’Associazione Molisanità L113 e quattro partorienti. 
    Il provvedimento sospende la nota della direzione generale dell'Asrem con cui il 14 luglio si bloccava l'attività di accettazione ostetrica presso l'Ospedale San Timoteo e tutti gli atti connessi. 
    "Il ricorso - scrivono i giudici del Tar - si presenta ad un primo esame sorretto da censure meritevoli di attento vaglio in sede collegiale".
    I giudici inoltre mettono in risalto che la misura della hiusura  "data anche la gravità dei suoi impatti, potrebbe giustificarsi solo se dotata di efficacia contenuta entro un intervallo temporale predeterminato ed assai breve (dovendo diversamente essere sorretta da precise risultanze istruttorie e un'esaustiva motivazione, nella specie non fornite)". L'8 settembre è stata fissata l'udienza di merito.
    La chiusura fu disposta dopo la morte di un neonato, decesso avvenuto il 12 luglio. Martedì è fissata l'autopsia. Si indaga per omicidio colposo e lesioni colpose.
     


    Rilevato che la misura oggetto d’impugnativa, data anche la gravità dei suoi impatti, potrebbe giustificarsi solo se dotata di efficacia contenuta entro un intervallo temporale predeterminato e assai breve (dovendo diversamente essere sorretta da precise risultanze istruttorie e un’esaustiva motivazione, nella specie non fornite); Osservato, per converso, che i provvedimenti impugnati dispongono invece - almeno allo stato- una sospensione sostanzialmente a tempo indeterminato del servizio di cui in atti; Ritenuto, per quanto precede, che poiché il periculum in mora prospettato integra il requisito della estrema gravità e urgenza, l'istanza cautelare in esame meriti N. 00229/2021 REG.RIC. accoglimento
    
    					

    Potrebbero interessarti anche...

    
    					

    Altri articoli da Salute