Banche

Sempre meno gli sportelli in Molise, ne sono rimasti 78

In sei anni le chiusure sono state 31. Un fenomeno su cui pesano la digitalizzazione dei servizi, lo spopolamento, un'economia poco dinamica. La provincia di Campobasso quella più colpita

Continua a ridursi il numero degli sportelli bancari, 800 in meno in tutto il Paese alla fine del 2023 rispetto all'anno precedente, secondo l'ultimo report "Banche e istituzioni finanziarie" della Banca d'Italia. 

Le chiusure stanno interessando soprattutto il Sud, con appena il 22% del totale degli oltre 20mila sportelli italiani, concentrati principalmente al Nord. 

Un fenomeno su cui su cui pesa la digitalizzazione dei servizi, accelerata dalla pandemia, come anche lo spopolamento e un’economia meno dinamica.

Il Molise è tra le regioni con meno sportelli, 78 in tutto, distribuiti su 24 comuni. Un calo dei oltre il 28% rispetto a sei anni prima, nel 2018 – data di inizio delle rilevazione statistica di Palazzo Koch - quando gli sportelli erano 109.

Campobasso la provincia più colpita, con le filiali scese in sei anni da 87 a 59, mentre a Isernia gli uffici si sono ridotti di tre unità.

Nel complesso in Molise il numero di sportelli ogni 100mila abitanti è sceso in sei anni da 35 a 27.

Inevitabile la ricaduta sugli occupati. Nello stesso arco di tempo i dipendenti bancari in Molise sono passati da 592 a 505. Anche in questo caso, è la provincia di Campobasso la più penalizzata, con 64 addetti in meno.