Calcio

Toro linea giovane, Juve incognita modulo

Ufficiale: Pietro Pellegri è dei granata. Prossimi obiettivi: Ricci dell'Empoli e Seck della Spal. Juve, Morata forse rimane. Di Gennaro: "Difficile che Vlahovic, Dybala e lo spagnolo giochino insieme".

Toro linea giovane, Juve incognita modulo
Torino
Pietro Pellegri, neoacquisto del Torino

Pietro Pellegri è un giocatore del Torino. Superate le visite mediche, è arrivata la firma dell'attaccante classe 2001. Esordio in Serie A a 15 anni, il più giovane di sempre a 15 anni e 280 giorni. A 16 anni, il 28 maggio 2017, il primo gol in Serie A: il terzo marcatore più giovane della Serie A, in una partita storica. Quel Roma-Genoa 3-2 che segnò l'addio al calcio giocato di Francesco Totti. Poi, una lunga eclissi tra Milan e Monaco. Ora, con Juric, la grande occasione: rilanciarsi per un Toro che ha bisogno di finalizzare. Linea giovane, come indicato da Juric. Piacciono i 2001: il Torino è infatti vicinissimo anche a Samuele Ricci, centrocampista e colonna dell'Empoli di Andreazzoli. E all'ala destra, ma abile su entrambe le fasce, Demba Seck. Senegalese, ha nella potenza e nel dribbling le sue armi migliori, senza tralasciare splendidi gol in acrobazia.




VLAHOVIC ARRIVA, MORATA NON PARTE

Alla Juventus, intanto, si lavora per limare gli ultimi dettagli dell'accordo con Dusan Vlahovic. La novità delle ultime ore, però, è che Morata fino a fine stagione potrebbe restare: il trasferimento immediato a Barcellona trova infatti un ostacolo nel tetto salariale in vigore nella Liga spagnola. Per avere Alvaro, i catalani dovrebbero prima vendere Dembelè. Non semplicissimo. In un attacco fin qui asfittico, ora Allegri avrà invece problemi di abbondanza: Vlahovic, Morata, Dybala, Kean. Più Cuadrado, Bernardeschi, Kulusevski e Kaio Jorge. 4-4-2, 4-3-3 o 4-2-3-1, quale sarà il modulo di Max con Vlahovic? Lo abbiamo chiesto ad Antonio Di Gennaro.


Antonio Di Gennaro, commentatore ed ex centrocampista di Fiorentina, Perugia e Verona. Rai
Antonio Di Gennaro, commentatore ed ex centrocampista di Fiorentina, Perugia e Verona.

DI GENNARO: "DIFFICILE CHE VLAHOVIC, DYBALA E MORATA GIOCHINO INSIEME"

"Vlahovic è il giocatore che tutti gli allenatori vorrebbero, non credo che con Allegri avrà problemi", dice l'ex centrocampista di Fiorentina, Perugia e Verona. "E' il classe 2000 più forte d'Europa, assieme ad Haaland. Ed è anche un giocatore versatile: non ha avuto problemi né con il 3-5-2 di Iachini, né col 4-3-3 e il gioco radicalmente diverso di Italiano, passando per quello di Cesare Prandelli". Con che modulo giocherà nella Juve di Allegri? "Non credo che l'allenatore bianconero farà giocare Vlahovic, Dybala e Morata contemporaneamente, a parte situazioni particolari a gara iniziata". Piuttosto, "l'ipotesi più probabile è che Allegri no cambi modulo, e rimanga con l'attuale 4-4-2 ibrido, che diventa 4-2-3-1". Un modulo in cui "Vlahovic faccia la prima punta. In questo caso Dybala in appoggio è fondamentale: solo lui, alla Juve, ha la fantasia giusta".

In un assetto del genere, le fasce sono fondamentali: "Chiesa, per il gioco di Allegri, è importantissimo, è devastante", rimarca Antonio Di Gennaro. Senza di lui "finora il più decisivo è stato Juan Cuadrado: l'unico che salta l'uomo in maniera netta. Decisivo nei gol, negli assist, nei cross. per Vlahovic, lui è fondamentale". Problemi, semmai, ci sono sulla fascia sinistra, dove per Di Gennaro "Alex Sandro sembra ormai la brutta copia del grande giocatore visto al primo anno di Juve. Deve spingere di più". A questa Juve, poi, "a mio avviso manca un rinforzo a centrocampo". La società pensa a Nandez da Cagliari. Per Di Gennaro "manca, per intenderci, il Pogba della situazione".