Il bottino del boss

Un tesoro da 600 mila euro: forse collegato alla 'ndrangheta

In un garage a Nichelino custoditi soldi e gioielli

Un tesoro da 600 mila euro: forse collegato alla 'ndrangheta
Ansa
Polizia Squadra Mobile

Un tesoro da oltre 400mila euro in contanti, insieme a orologi Rolex e gioielli dal valore di oltre 200mila euro. E' quanto scoperto dalla polizia in un garage di Nichelino, nel torinese.

Il bottino a cui gli investigatori della Squadra Mobile sono arrivati dopo l'arresto per droga di due uomini, che ha portato al sequestro di un ingente quantitativo di droga, potrebbe essere collegato a Vittorio Raso, boss della 'Ndrangheta arrestato nell'autunno 2020 poi scarcerato e ora latitante. Gli indizi raccolti dagli inquirenti lasciano infatti pensare che gli arrestati facciano parte del gruppo di narcotrafficanti gestito dal boss.

Personaggio di spicco della 'ndrangheta calabrese radicata a Torino, Raso, 43 anni, soprannominato 'Esaurito', era stato arrestato a Barcellona dopo due anni di latitanza in seguito a una condanna in primo grado a vent'anni per traffico internazionale di droga. Scarcerato due giorni dopo perché tra i reati che gli venivano contestati c'era l'usura, che in Spagna non prevede il carcere, ha fatto di nuovo perdere le sue tracce. Per gli inquirenti, le modalità di occultamento e di conservazione del denaro, riscontrate anche in altri recenti arresti, nonché gli adesivi utilizzati sulle confezioni dello stupefacente per indicarne la provenienza, rappresentano elementi sintomatici di una contiguità dei soggetti arrestati al gruppo di narcotrafficanti organizzato e diretto da Raso.

Nel corso dell'operazione sono stati trovati anche numerosi ritagli di articoli di quotidiani riportanti la notizia dell'arresto di Raso.