Manifestazione a Torino

Auto e bus turistici, la protesta di un settore al limite

Effetto covid sui trasporti. Senza aiuti a rischio 1.500 aziende Piemonte e 5000 posti lavoro.

Protesta stamane a Torino degli operatori del comparto del Noleggio con conducente. "L'economia sta ripartendo - dicono - ma non per noi". Un comparto che in Piemonte dà lavoro a circa 5000 persone, mettendo a disposizione automobili con autista per i vip ma soprattutto pulmini privati per congressi, fiere e gite. Per chiedere un aiuto al governo le associazioni di categoria hanno dimostrato oggi in diverse città italiane. A Torino, in piazza castello, hanno raccontato la loro situazione: "Da oltre due anni siamo bloccati, con i bus turistici sui piazzali e le prenotazioni delle auto quasi azzerate: il settore è in ginocchio, con perdite di fatturato dell'80% nel 2020 e del 50% nel 2021; dopo una parziale ripresa nella scorsa estate, limitata al 40% dell'operatività, da novembre sono ricominciate le disdette, e i mezzi sono di nuovo fermi".

La manifestazione di piazza Castello è stata organizzata da Federnoleggio-Confesercenti e da Sistema Trasporti, due delle maggiori sigle di categoria, che lanciano l'allarme sulla condizione del settore. Una delegazione di operatori è stata ricevuta in prefettura per illustrare le richieste della categoria: ristori immediati, sconto sulle accise, esenzione dal bollo, erogazione del bonus montagna, interventi per contrastare la svalutazione die mezzi. In Piemonte sono circa 220 le aziende nel settore bus e oltre un migliaio quelle del settore auto. I mezzi coinvolti sono oltre 4000: 1136 bus e 3000 vetture.

"A livello locale, le cose l'unico provvedimento è stato la sospensione del bollo per le auto, ma i bus non hanno avuto neppure quella. La Regione Piemonte ha brillato per la sua assenza: non ha fatto nulla e non ha neppure mai risposto alle nostre richieste di incontro", spiegano le associazioni.

Servizio di Fabio De Ponte, montaggio di Tiziana Samorì con interviste a Marco Ferrari, presidente Sistema Trasporti e Tiziano Merlin, presidente Federnoleggio.