Arrivano i fondi

Il Ministero finanzia Stupinigi. 25 milioni per recuperare la Palazzina di caccia e il borgo

Il ministro della Cultura Franceschini a Regione e Comuni: il rilancio del complesso, cittadella compresa, verrà inserito nei progetti di valorizzazione culturale che il governo promuoverà quest'anno. Liberando i fondi del Bando Borghi.

E' patrimonio dell'Unesco e al suo interno è stata scritta la Storia del nostro Paese. Ma da tempo attende un rilancio. Che, ora, può contare su solide basi finanziarie.

Collegato in videoconferenza con Regione e Comuni, il ministro della Cultura Dario Franceschini ha infatti reso noto che il piano di recupero del complesso monumentale di Stupinigi - il comune è Nichelino - con la Palazzina di Caccia e il borgo che la circonda, sarà finanziato dal Ministero stesso nell'ambito dei nuovi progetti di valorizzazione culturale che il Governo promuoverà in questo 2022.

"Felici doppiamente, non solo perché Stupinigi lo merita ma anche perché potremo liberare risorse del Bando Borghi per un altro progetto bandiera in Piemonte", afferma il presidente della Regione, Alberto Cirio, che in merito alla scelta della Palazzina di caccia proprio per il Bando Borghi si era attirato qualche malumore da parte dei siti di interesse culturale esclusi.

L’investimento complessivo previsto è di 25 milioni di euro e prevede, oltre al recupero dell’area attorno alla Palazzina di caccia, la creazione di una vera e propria cittadella adiacente con negozi, attività artigianali e commerciali che daranno nuovamente vita all’antico borgo settecentesco.

"Da anni - sottolinea il sindaco di Nichelino Giampietro Tolardo - lavoriamo e ci battiamo affinché questo grande gioiello che è Stupinigi riceva la giusta attenzione da parte delle istituzioni locali e nazionali. La Regione con il presidente Cirio ci ha dato fin da subito il proprio supporto e siamo felici che ora questa attenzione sia stata manifestata anche dal Governo e dal ministro Franceschini. Prosegue un cammino che oggi diventa una sfida, ma che sappiamo porterà un risultato importante e straordinario non solo per noi e il Piemonte, ma per tutto il nostro Paese".                                                         

“Un’ottima notizia per tutta la Città metropolitana - aggiunge il sindaco di Torino e della Città metropolitana stessa , Stefano Lo Russo -. Da tempo si chiedeva una completa valorizzazione di un patrimonio straordinario e unico dell’architettura barocca".