Lungo corteo

In piazza la rabbia degli studenti

Sono tornati a percorrere le strade della città gli studenti che protestano per la morte di Lorenzo Parelli, deceduto durante uno stage. Uova contro gli agenti, Unione industriale e Miur.

Una settimana dopo le tensioni con le forze dell'ordine, gli studenti torinesi tornano a manifestare per Lorenzo Parelli, il 18enne morto durante uno stage aziendale in un incidente sul lavoro a Udine. Sono un migliaio i giovani che si sono radunati in piazza XVIII Dicembre a Torino per poi partire in corteo.

Presi di mira con lancio di uova sia l'Unione industriale che le forze dell'ordine e l'ufficio scolastico regionale. Gli studenti hanno affisso anche manifesti con il simbolo degli industriali e l'impronta di mani insanguinate.

La protesta davanti all'Unione industriale Ansa
La protesta davanti all'Unione industriale

"Siamo qui davanti a quelli che dovrebbero rappresentarci e che si rifiutano di ascoltarci, che non tengono In considerazione le nostre richieste e vogliono far pagare a noi cose di cui non abbiamo colpa - hanno detto al microfono gli studenti - oggi ci facciamo sentire e lo faremo nelle prossime settimane in ogni scuola, abbiamo proclamato lo stato di mobilitazione permanente finché non vinceremo. Non possiamo arrenderci adesso, siamo in tanti e domani saremo ancora di più perché abbiamo la ragione dalla nostra parte".