Groscavallo (To)

Avvistato il velivolo scomparso, impossibile il recupero del corpo

Il monomotore con a bordo Dennis Craig si è schiantato alla base del ghiacciaio del Mulinet, sopra Groscavallo, nel Torinese.

Sono stati ritrovati alla base del ghiacciaio del Mulinet, sopra Groscavallo, a una quota di 2.800 metri circa, i resti dell'ultraleggero scomparso venerdì mattina.

L'avvistamento è stato effettuato in mattinata dal personale del soccorso alpini grazie a un sorvolo sull'elicottero dell'esercito: una zona impervia, impossibile da raggiungere per le squadre da terra. Solo nel tardo pomeriggio, dopo due sopralluoghi, sempre in elicottero, andati a vuoto, i vigili del fuoco sono riusciti a calarsi nel luogo del disastro.

Le ricerche, rallentate dal maltempo, sono durate tre giorni, l'impatto verosimilimente sarebbe avvenuto venerdì mattina, dopo il decollo dall'aeroporto di Levaldigi. Alla guida il pilota americano Dennis Craig, 79 anni: un lungo viaggio il suo che dal Sud Africa avrebbe dovuto concludersi in California, dopo numerosi scali in Europa. Dal Piemonte avrebbe dovuto dirigersi a Ostenda in Belgio.

Gli ultimi contatti radar segnalavano il volo nella zona del lago Dres a Ceresole. Le ricerche si sono poi estese al lato francese del versante montuoso, questa mattina una nuova ricognizione in un'altra area compatibile con il piano di volo comunicato all'Enav. Ancora da chiarire le cause del disastro. L'aereo volava a bassa quota, prevalentemente a vista, al momento della partenza le condizioni meteo erano brutte.