Il processo è iniziato nel 2019

Rinviata a luglio la sentenza d'appello sull'inchiesta San Michele

La Corte ha comunicato in via preliminare il rinvio all'11 luglio. L'indagine è relativa a presunti tentativi d'infiltrazione in appalti ed opere pubbliche

Rinviata a luglio la sentenza d'appello sull'inchiesta San Michele
Ansa
Tribunale di Torino

A distanza di tre anni slitta ancora la conclusione del processo d'appello, a Torino, originato dall'inchiesta "San Michele", una delle più importanti operazioni contro la presenza della 'Ndrangheta in Piemonte. L'udienza in programma il 7 marzo, dedicata agli ultimi interventi delle parti ed alla lettura della sentenza, è stata rinviata in via preliminare all'11 luglio, come comunicato dalla Corte.

Il processo d'appello è iniziato nel giugno 2019. Dopo lo svolgimento di tutte le udienze in programma l'emergenza Covid ed una serie di problemi legati alla composizione della Corte hanno comportato una lunga serie di rinvii.

L'inchiesta San Michele, condotta dai Carabinieri, portò nel 2014 ad una serie di arresti. Al centro delle attenzioni degli investigatori ci sarebbero stati tentativi d'infiltrazione di personaggi legati alla 'ndrina di San Mauro Marchesato, in Calabria, in appalti ed opere pubbliche, tra cui la Torino-Lione. In questo troncone gli imputati sono nove: tra le parti civili figura anche Set Up Live, azienda organizzatrice di spettacoli e grandi eventi musicali.