La sentenza del Tribunale di Vercelli

Bullismo contro una compagna di classe, condannata diciottenne

Due anni e quattro mesi di reclusione con sospensione condizionale della pena per la ragazza che insieme a due amiche minorenni ha malmenato una giovane colpevole di aver parlato male di lei e del suo fidanzatino.

Due anni e quattro mesi di reclusione, sospesi con la condizionale. E' la pena inflitta dal Tribunale di Vercelli a una 18 enne condannata per violenza privata ed estorsione per aver perseguitato insieme ad altre due ragazze una compagna di classe. I fatti risalgono al 2019, quando la ragazza che frequenta un istituto superiore viene presa di mira. L'accusa è aver parlato male della relazione che la 18enne aveva con il suo fidanzato. Da lì è partita l'azione punitiva della banda di bulle.

Lungo il tragitto dalla scuola alla stazione la vittima viene inseguita, presa a schiaffi e strattonata. Riesce a fuggire ma viene raggiunta e rapinata del cellulare. Arrivata a casa cerca di recuperare il telefono ma le chiedono 150 euro per riaverlo.

La ragazza sporge denuncia e le forze dell'ordine risalgono al gruppo delle 3 di cui due minorenni. Per la più grande, già maggiorenne all'epoca dei fatti, la condanna decisa oggi dal Tribunale che ha riqualificato l'accusa di rapina in violenza privata. Delle altre 2 si sta occupando il tribunale dei minorenni