Sul sito dell'iniziativa le informazioni per prenotare

Castelli aperti a Pasqua e Pasquetta, la storia si apre ai turisti

Il progetto alla 27esima edizione offre 80 luoghi tra borghi e dimore da visitare in Piemonte. Una delle novità più attese della stagione è l’apertura di sabato 14 maggio della affascinante Villa Ceriana di Castagneto Po

Castelli aperti a Pasqua e Pasquetta, la storia si apre ai turisti
Web
Castello di Racconigi

Sale, terrazze, giardini. Un viaggio nell'arte e nella storia in uno degli 80 castelli che aprono per la 27esima edizione di “Castelli aperti” in Piemonte. L'iniziativa riparte nei giorni di festa tra Pasqua e il 25 aprile con nuovi luoghi da visitare: dal quattrocentesco castello Quattro Torri ad Arignano alla Fortezza di Verrua Savoia  costruita nel decimo secolo dal vescovo di Vercelli. 

Grande novità della stagione è l’apertura di sabato 14 maggio della affascinante Villa Ceriana di Castagneto Po che dopo essere appartenuta alla famiglia Bruni Tedeschi, è oggi proprietà della Croce Rossa Italiana e solitamente chiusa al pubblico.


In provincia di Asti Castelli Aperti accoglie nel suo circuito il Parco D’Arte Quarelli di Roccaverano. Il parco ricopre una superficie di trenta ettari su cui sono disseminate 62 installazioni di arte contemporanea di 46 diversi artisti. Un luogo dove la natura dialoga con l’arte in un rincorrersi di opere eccezionali e paesaggi maestosi delle terre delle Langhe – Roero e Monferrato.


Castelli Aperti vanta quest’anno la neonata collaborazione con la Direzione Regionale Musei Piemonte che ha permesso l’appartenenza al circuito di alcuni preziosissimi beni statali. Palazzo Carignano e Villa Della Regina a Torino, il castello di Agliè, il castello di Racconigi, il Forte di Gavi e il castello di Moncalieri andranno quindi ad arricchire le proposte di visita della rassegna per la stagione 2022.

Castelli aperti avrà una cadenza settimanale di domenica fino al primo novembre. 

Tutte le informazioni sul sito internet www.castelliaperti.it