Ad inchiodarlo una registrazione durante un "colpo"

Si fingeva carabiniere per derubare anziani, in carcere insieme al figlio

Un uomo di 54 anni insieme al figlio venticinquenne, già in galera per un arresto in flagranza, sono ritenuti responsabili di un furto ed altri tre colpi tentati. Il genitore si fingeva militare, il figlio faceva da palo.

Si fingeva carabiniere per derubare anziani ultraottantenni. Quattro colpi, tre tentati, uno andato a segno il 9 ottobre scorso. La Polizia ha eseguito una misura di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip a carico di un 54enne, G.C, riconosciuto autore materiale dei tentati furti. Destinatario della misura anche il figlio, V.C., 25 anni. I due, padre e figlio di origine Sinti, si trovano già reclusi al Lorusso e Cotugno per un arresto in flagranza lo scorso 31 marzo per un furto in abitazione ai danni di una donna di 79 anni, alla quale erano stati sottratti monili in oro per un valore di circa 10.000 euro.

Secondo l'accusa, il 55enne dopo aver conquistato la fiducia delle anziane vittime, approfittando di un momento di distrazione le derubava. A far scattare l'indagine un furto compiuto nell'autunno 2021 in un'abitazione del quartiere Mirafiori ai danni di una coppia di anziani. Il ladro è stato registrato in azione da un impianto audio-video a controllo remoto. Dieci minuti di immagini che hanno permesso agli agenti di risalire al responsabile ed al figlio che avrebbe svolto di autista per andare nelle zone mercatali dove venivano avvicinate le vittime e di palo a bordo della vettura mentre il genitore rapinava le vittime.