Ha esercitato la professione per 46 anni

Morto il notaio Antonio Maria Marocco

Protagonista della vita economica e sociale di Torino, nelle sua lunga carriera ha firmato più di 64mila atti pubblici. aveva 88 anni.

Morto il notaio Antonio Maria Marocco
Web
Morte

E' morto a Torino il notaio Antonio Maria Marocco. Aveva 88 anni, 46 dei quali dedicati alla professione. Compagno di Studi a Giurisprudenza di Carlo De Benedetti e Umberto Agnelli, nella sua lunga carriera ha siglato oltre 64mila atti pubblici, tra cui quello della nascita del World Political Forum, quando dall'altra parte del tavolo c'era Michail Gorbaciov, delle Olimpiadi del 2006 e della nascita di numerose istituzioni culturali piemontesi, come la Fondazione Museo Egizio, la Fondazione Torino Musei e il Consorzio per la valorizzazione della Reggia di Venaria.

Protagonista della vita economica e sociale di Torino, il notaio Marocco, tra i numerosi incarichi è stato consigliere di amministrazione di Reale Mutua Assicurazioni e di Exor, la holding della famiglia
Agnelli, presidente dell'organismo di controllo di Unicredit Group e presidente della Fondazione Crt. 

Generoso mecenate del mondo della cultura, è stato anche presidente dell'Accademia Albertina e tra i fondatori del Castello di Rivoli, primo museo d'arte contemporanea d'Italia.