Stresa

Novanta alberi sul Mottarone per non dimenticare le vittime della funivia

L'iniziativa è dei militari di Verbania. Con loro a interrare le piante i bambini delle scuole. "Un ricordo e un messaggio di rinascita della montagna".

Un'iniziativa fortemente voluta dai Carabinieri di Verbania e dal loro comandante, Alberto Cicognani. Così di buon'ora, i militari dell'Arma sono saliti in vetta al Mottarone e, insieme ai volontari e ai bambini delle scuole del territorio, hanno iniziato a piantare i primi alberi che ricorderanno le vittime della strage della funivia.

In tutto ne saranno interrati 90, anche là dove la funivia si schiantò al suolo causando la morte di 14 persone il 23 maggio dello scorso anno. Sopravvisse solo il piccolo Eitan. Per la rimozione della cabina fu infatti necessario abbattere alcune piante.

Un messaggio non solo di ricordo di chi ha perso la vita, ma anche di speranza per una rinascita della montagna, reso possibile anche dalla disponibilità dei vivai della regione Piemonte.