Il militare si dichiara estraneo ai fatti

Raggirato 92enne per l'eredità, indagati badante e marito carabiniere

La Procura di Torino ha chiuso le indagini a carico della coppia con l'accusa di circonvenzione d'incapace e falso ai danni di Lido Frediani.

Raggirato 92enne per l'eredità, indagati badante e marito carabiniere
Ansa
Il tribunale di Torino

Avrebbero raggirato un anziano pensionato per carpirne l'eredità: con questa accusa la procura di Torino ha chiuso le indagini nei confronti di un carabiniere e della moglie. Sono contestati i reati di circonvenzione di incapace, sostituzione di persona, falso, truffa. La presunta vittima è Lido Frediani, luminare nel campo della chimica, morto nel 2020 a 92 anni. 

Nel 2019, quando si ammalò, i familiari contattarono la moglie del carabiniere, operatrice sanitaria, per garantirgli assistenza. Secondo le indagini, dopo una ventina di giorni la donna fu nominata erede universale. Nelle intercettazioni raccolte dalla procura si sente il carabiniere, all'epoca in servizio nelle aliquote di primo intervento, Api, e poi trasferito, dire alla moglie "sbrigati a farlo firmare".

Dopo la morte, sempre secondo quanto ricostruito dalle indagini, il corpo fu cremato all'insaputa dei parenti. Il militare dell'Arma si è sempre detto estraneo ai fatti.