Indagano i carabinieri

Assalto alla villa di un imprenditore, bottino di 600.000 euro

Sono ancora in fuga i tre rapinatori che nella notte tra venerdì e sabato hanno svaligiato una villa a due piani a Torre Pellice, in provincia di Torino. Sequestrati per oltre un'ora un imprenditore di 33 anni e la fidanzata di 25.

Sono scappati a bordo di un'auto con un bottino da oltre 600.000 euro. Solo questo si sa dei tre rapinatori che nella notte tra venerdì e sabato, a volto coperto e con indosso i guanti per non lasciare tracce, hanno aspettato le vittime al loro rientro a casa, una villa a Torre Pellice, poco prima della mezzanotte. La coppia, sotto minaccia di una pistola, ha fatto entrare in casa i malviventi che hanno intimato loro di sdraiarsi in terra con le mani sopra la testa e gli occhi chiusi. A sorvegliarli, arma in pugno, uno dei tre mentre gli altri hanno iniziato a frugare alla ricerca di soldi e gioielli. Ad un certo punto i ladri, dall'accento straniero secondo il racconto delle vittime agli investigatori, hanno chiuso la coppia nel locale caldaia per poter fuggire indisturbati a bordo di un'automobile.

Ad allertare i carabinieri il padrone di casa, riuscito a liberarsi dopo circa un'ora. Il bottino ammonterebbe a circa 600.000 euro tra orologi ed otto chili tra preziosi e lingotti d'oro, oltre a 20.000 euro in contanti, denaro frutto in parte di una vincita incassata dall'imprenditore un anno fa. Illesa la coppia.

Dalle prime indagini condotte dai Carabinieri di Pinerolo l'ipotesi è che si tratti di professionisti che avevano studiato nei dettagli le abitudini della coppia e che sentivano di poter agire "a colpo sicuro".